Seppie alla Carletto

Queste seppie sono veramente facilissime da fare e ho voluto chiamarle alla Carletto perchè è mio cugino Carlo, detto Carletto , che mi ha dato la ricetta.
Si può fare anche con i moscardini ed il risultato è sempre ottimo.
Occorre tenere conto che sia le seppie che i moscardini in cottura si riducono parecchio, quindi contate un paio di belle seppie a commensale e la stessa cosa per i moscardini.
Occorrono:
Seppie o moscardini puliti e fatti a grossi pezzi
Patate pelate, intere(almeno 2 a commensale)
Aglio 2 spicchi
Prezzemolo 1 mazzetto senza gambi
Pomodorini una decina
Passata di pomodoro 2 cucchiai
Sale
Olio
Vino bianco a coprire
Fette di pane bruschettate in forno 2 a testa

Mettere in una pentola alta, a freddo, un cucchiaio di olio, aglio e prezzemolo tritati, i pomodorini a pezzetti,
la passata di pomodoro, le patate sbucciate e lasciate intere, le seppie.
Ricoprire col vino bianco e cuocere a fuoco medio , coperto, per 35-40 minuti.
Poi togliere il coperchio e fare ridurre un po’ il fondo di cottura per altri 5 minuti.
Mettere il pane nei piatti oppure servirlo a parte, versare con il mestolo l’insieme di brodetto , seppie e patate.

A me è successo che il brodetto avanzasse e il giorno dopo ci ho cotto il riso dentro, facendolo asciugare : beh, 2 piatti buonissimi con poca fatica!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*