Cipolle ripiene e verze ripiene.

Anni fa , quando entrambe le mie figlie erano ancora in casa con noi, se decidevo di preparare le verdure ripiene facevo delle enormi teglie di zucchini, patate, peperoni, cipolle, melanzane, tutte ripiene e tutte squisite.

Poi le ragazze sono cresciute e sono andate a vivere per conto loro.

Con il passare del tempo io mi sono resa conto che faccio fatica a digerire i peperoni e mio marito che non ama nè gli zucchini nè le melanzane.

Così le verdure che facevo sono diventate solo patate e cipolle, anzi, solo cipolle, che di sicuro piacciono a entrambi.

Oggi ho quindi preparato queste cipolle ripiene e col ripieno avanzato ho fatto anche le verze.

Occorrono :

1 cipolla bianca grande

2 hg macinato di manzo

1 fetta di mortadella un po’ spessa o una mortadellina piccola

1 uovo

la mollica di un panino bagnata e strizzata

3 cucchiai di parmigiano grattugiato

maggiorana o timo a piacere

pangrattato qb

olio qb

6 foglie di verza

Ho tagliato la cima e il fondo della cipolla, poi l’ho divisa a metà ed ho separato i vari strati, fatti a conchetta.

Le parti troppo piccole per essere riempite le ho messe nel mixer insieme a tutti gli altri ingredienti, che ho frullato bene.

Ho disposto le conchette di cipolla sulla teglia rivestita di carta da forno e ho messo il ripieno in ciascuna .

Ho spolverato di pangrattato e aggiunto un filo d’olio.

Non ho salato perchè la mortadella dà già abbastanza sapidità.

Sulla teglia ho versato un dito d’acqua ed ho infornato a forno già caldo a 180° per una mezz’oretta, controllando che non colorissero troppo. Se il fondo si asciuga aggiungere un pochino d’acqua.

Con il ripieno avanzato ho fatto le verze ripiene, mettendo a bollire in acqua fredda alcune foglie grandi e intere di verza.

Le ho lasciate cuocere per 20 minuti, le ho scolate e riempite, chiudendole a pacchetto con uno stuzzicadenti e le ho disposte in una teglia dove ho versato un dito d’acqua.

Ho infornato e fatto cuocere per circa 30 minuti, aggiungendo pochissima acqua , se necessario.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*