formaggio fai da te


Ho imparato a fare il formaggio parecchi anni fa, durante una gita scolastica.
Siamo andati a visitare una fattoria e nel programma della giornata era previsto che i bambini avrebbero preparato il pane ed il formaggio.
I bimbi si sono divertiti molto ed io ho portato a casa una ricetta che in questi anni ho ripetuto spesso, a volte accompagnandola con la marmellata di pere dell’ultimo albero rimasto nel mio giardino.
Viene un formaggio del tipo “primo sale”, ma più cremoso , e dura almeno 5-6 giorni in frigorifero, avvolto nella pellicola.
Ci vuole un po’ di tempo e di pazienza, ma quando i vostri ospiti spalancheranno gli occhi per la sorpresa nel sentire che quel delizioso formaggio è stato preparato con le vostre mani , sarete ripagate !
Innanzi tutto occorrono le ” fuscelle”, cioè dei contenitori bucherellati che possono essere di varia misura.
Io ne ho usato solo uno, grande, perchè volevo fare un solo formaggio, ma potete anche dividere la dose in fuscelle più piccole ed ottenere dei formaggetti .
Non ho comprato nulla, semplicemente ho chiesto in supermercati e negozi di alimentari se mi potevano regalare i contenitori della ricotta , che sono proprio perfetti per lo scopo.
Quello che ho usato questa volta è praticamente un colino di plastica .
E’ necessario anche un termometro per alimenti : io avevo quello per misurare la temperatura del vino e mi sono arrangiata, anche se arriva solo fino a 40 gradi.

In farmacia dovete procurarvi una boccettina di caglio : a volte non è disponibile, ma di sicuro potete ordinarlo e arriverà in breve tempo.

Detto questo cominciamo .
Occorrono :
5 litri di latte fresco intero
mezzo vasetto di yogurt bianco, intero, non zuccherato
mezzo cucchiaino di caglio
2 cucchiai di sale grosso.

In una grande pentola versare tutto il latte e aggiungere il mezzo vasetto di yogurt.
Mescolare molto bene, coprire con un coperchio e lasciare riposare senza muovere per 1 ora.

Scaldare fino a 37 gradi, spegnere il fuoco e aggiungere il sale e il caglio.
Mescolare molto bene.
Coprire nuovamente e non toccare per un’altra ora.
A questo punto il latte sarà cagliato e affondando il cucchiaio vi accorgerete che si sono formati tanti blocchetti bianchi.
Mescolate,riaccendete il fuoco e scaldate fino a 45°.
Il mio termometro arriva solo fino a 40°, quindi ho aspettato ancora qualche minuto .
Spegnete il fuoco e trasferite la pentola nel lavandino, così non sgocciolate in giro.
Con un mestolo forato prelevate un po’ per volta i fiocchi di latte e passateli nella fuscella, cercando di premere bene.

Piano piano mettete tutti i fiocchi di latte insieme e ogni volta schiacciate per fare defluire il liquido.
E’ utile porre un peso sopra un piatto rovesciato che messo sul formaggio, lo schiaccerà lentamente.
Io ho messo la fuscella su una grata con sotto una teglia per raccogliere il liquido.

Va lasciato sgocciolare per un giorno intero, ma se vedete che continua a perdere liquido lasciate anche per la notte .
Quando non perde più liquido va rovesciato, con un po’ di cautela, in un piatto.
La fuscella formerà una bellissima decorazione.

Tenere in frigo, su un piatto , avvolto nella pellicola.
Potete servirlo a fettine o quadrotti, accompagnato da un buon miele o da marmellate varie.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*