Stomatico

Non avevo mai sentito parlare di questo dolce fino ad una decina di giorni fa, quando la mia amica Rosetta , con cui ci scambiamo ricette di ogni tipo, mi ha parlato di questa preparazione tipica della Calabria , che una volta preparata va tagliata in biscotti e rimessa in forno.

Non so perchè ma mi ha colpito subito e ben presto mi sono messa all’opera.

La ricetta originale prevede l’uso dell’ammoniaca per dolci, ma ho visto che può essere sostituita dal lievito, quindi ho preferito usare quello.

Inutile dire che mi è piaciuto moltissimo, in modo particolare dopo che ho tagliato il dolce a fettine sottili e le ho fatte ben biscottare in forno, facendole diventare irresistibilmente croccanti.

Rispetto a questa ricetta io ho dimezzato gli ingredienti, perchè mi sembrava troppo abbondante e non sapevo se mi sarebbe piaciuto, ma ora non avrei dubbi e rispetterei queste che sono le dosi originali.

Occorre :

150 g zucchero(per il caramello)

300 g acqua

1 kg farina

2 bustine di lievito per dolci

300 g zucchero

1 bicchiere e mezzo di olio evo

1 uovo (+ 1 per spennellare)

1 pizzico di polvere di chiodi di garofano

1 pizzico di polvere di cannella

mandorle pelate a piacere

Ho messo in un pentolino i  150 g di zucchero , ho acceso il fuoco molto basso e ho mescolato sempre, finchè non ha cominciato a diventare dorato.

Piano piano ho aggiunto l’acqua calda e ho sciolto bene, poi ho spento e fatto raffreddare.

In una ciotola ho versato la farina, i 300 g di zucchero, l’olio, l’ uovo ,la cannella e i chiodi di garofano,il lievito e il caramello.

Ho amalgamato tutto con cura, poi ho foderato una teglia larga con la carta da forno e ci ho versato l’impasto, cercando di spianarlo in modo uniforme con le mani leggermente bagnate.Più o meno l’impasto dovrebbe essere alto 3 cm.

Ho messo delle mandorle  ben pressate sopra ed ho spennellato con un uovo sbattuto.

Ho infornato a forno caldo a 220° per 40 minuti.

Ho fatto raffreddare quasi completamente, poi ho tagliato a pezzi ( alcuni grossi, alcuni più sottili) e ho messo a biscottare , girati sul lato, in forno caldo a 100° finchè non si sono ben dorati.

I pezzi più grossi rimangono più morbidi e sono perfetti per la prima colazione, da inzuppo, quelli sottili e croccanti sono una golosità in ogni occasione.

Grazie Rosetta!

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*