Preparo il ragù di scorta.

In questo periodo comincio a pensare al Natale e al fatto che nei giorni delle feste saremo in tanti e vorrei godermi il più possibile la compagnia dei miei cari, quindi, almeno per certe preparazioni, cerco di portarmi avanti.

Il ragù è una di queste preparazioni, una volta fatto in buona quantità , lo congelo in contenitori di media dimensione, così poi me lo ritrovo bello e pronto.

Quindi stamattina via al ragù di scorta.

Occorrono:

mezzo chilo di carne macinata mista (maiale e manzo)

4 carote

2 cipolle

1 porro

2 gambi di sedano

750 g salsa di pomodoro ( io ho usato 3 vasetti di quella che faccio io)

mezzo tubetto di concentrato di pomodoro

una cucchiaiata di erbette di Provenza ( ho finito le erbette del vasetto magico)

mezzo bicchiere di vino rosso

olio-sale

una grattata di noce moscata

Con il robot ho tritato finemente le verdure e le ho messe ,con olio abbondante, ad appassire in padella.Ho aggiunto le erbette di Provenza.

Il fuoco deve essere molto basso e bisogna mescolare spesso.Non bisogna avere fretta, devono appassire lentamente e non dorare.

Dopo una mezz’ora ho spento il fuoco e messo da parte.

In un tegame alto ho messo un paio di cucchiai di olio ,l’ho fatto scaldare e ci ho versato la carne macinata, che ho fatto rosolare a fuoco alto.

La carne ha rilasciato i suoi succhi e  a quel punto ho aggiunto il vino rosso , ho mescolato bene e lasciato evaporare.

Ho abbassato la fiamma ed ho unito il soffritto,ho mescolato con cura e poi ho aggiunto la salsa di pomodoro allungata con acqua calda, il concentrato  e una bella grattata di noce moscata.

Ho messo il coperchio ma non ho chiuso, un cucchiaio di legno, messo sotto il coperchio permetteva al vapore di uscire e conteneva eventuali schizzi.

Ho lasciato cuocere a fuoco molto basso per un paio di ore, mescolando spesso ed aggiungendo poca acqua calda se necessario.

Ho lasciato raffreddare completamente, poi ho suddiviso il ragù nei vari contenitori ermetici e messo nel congelatore.

Scorta pronta!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*